Il Museo Werner Berg

Il Werner Berg Museum, situato nel cuore di Bleiburg, cittadina della Carinzia sudorientale, espone l’opera di Werner Berg nel centro da cui ha avuto origine. Il museo, che ospita il ricco patrimonio pittorico della Fondazione Werner Berg, offre una panoramica rappresentativa delle opere realizzate dall’artista nell’arco di tutta la sua vita (1904-1981). Werner Berg nacque a Elberfeld (Wuppertal) e a partire dal 1931 lavorò come contadino e pittore presso una fattoria oltre la Drava. Tema principale delle sue creazioni sono il paesaggio e gli abitanti della sua patria di elezione nella Bassa Carinzia, osservati con la distanza di un forestiero e l’intensità di un innamorato. La sua opera rappresenta una documentazione unica lasciata in eredità alla Carinzia.

Il museo ha sede in un edificio centenario ubicato nella piazza principale di Bleiburg. L’esposizione permanente è ampliata da esposizioni speciali annuali ed è presente anche un giardino con sculture.

Werner Berg (1904-1981)

Werner Berg nacque nel 1904 a Elberfeld (Wuppertal). Dopo aver studiato scienze politiche e dopo aver frequentato le accademie a Vienna e Monaco, si trasferì nel 1931 alla fattoria Rutar nel sudest della Carinzia. La masseria di montagna, quale si trovava lontana della città, dall’ora in poi diventò la scena di un’insolita unità dell’arte e della vita. Fino alla sua morte nel 1981 l’artista lavorò, sotto condizioni di tanto in tanto precari, come agricoltore e pittore. Nell’arte austriaca del XX secolo fu un emarginato. Il tema centrale della sua opera singolare sono, il paesaggio e la gente della sua patria adottiva, la bassa Carinzia – osservato con la distanza dello straniero e l’intensità del amatore. Tramite il suo lavoro, lo stato federale Carinzia ha ricevuto un documento straordinario. Combinato con alta qualità artistica, ci sono nello stesso tempo testimonianze della vita in una cultura preindustriale, quale l’artista è stato esposto in continuazione e che oggi appartiene al passato.

Werner Berg Museum - 50 anni / 01.05.2018-28.10.2018

Nel cinquantesimo anno della sua esistenza, il Museo Werner Berg di Bleiburg/Pliberk presenta la retrospettiva più completa fino ad oggi di Werner Berg. Tutte le opere principali del suo Oeuvres, scelte dallo stesso artista per il museo, saranno presentate nell’ intero spazio espositivo, integrate per la prima volta da molte opere in prestito. L’ esposizione giubilare del 2018 offre un’opportunità unica agli intenditori di conoscere la profondità e la complessità dei dipinti del pittore di Rutarhof, ogni visitatore scoprirà un’opera imponente che presenta in modo unico il paesaggio e le persone della Carinzia meridionale.

Nel 1931 il 27enne pittore e Dottore in scienze politiche, si trasferisce con la sua famiglia in una piccola fattoria di montagna in alto presso il fiume Drava (Drau) vicino al ponte Anna. Per 50 anni ha lavorato in una esemplare unità di arte e pratica di vita come agricoltore e pittore in questo suo Rutarhof.

Nel 1968 è stata la prima volta - per iniziativa di Gottfried Stöckls il panetiere di panpepato di Bleiburg e del sostegno attivo permanente da parte del consigliere comunale Valentin Vauti – che una casa in piazza principale, di proprietà comunale è stata aperta come sede permanente per una selezione di alto livello dei quadri di Werner Berg e delle xilografie, ed ampliata nei decenni con grande sensibilità architettonica. Oltre all’opportunità di conoscere il lavoro di Werner Berg in tutte le sue sfaccettature, le mostre speciali da Emil Nolde a Gottfried Helnwein hanno fatto conoscere il museo anche oltre la Carinzia.

Con l’arredamento su larga scala delle facciate della piazza principale con dei motivi di xilografia, il museo si espande nello spazio pubblico nel 2018 in modo impressionante.

 

Il giardino delle sculture del museo, mostra nel 2018 l’opera scultorea di Helmut Machammers (* 1962 in Kalwang). La sua materia prima è il marmo, in particolare il marmo di Krastal della sua terra adottiva di Carinzia.

Guida audio gratuita in DE, SLO, ENGL. e ITAL. Visite guidate su richiesta e ogni domenica alle ore 11:00.

Una preoccupazione particolare del museo è quella di trasmettere l’arte ai bambini. Guide audio progettate e parlate da bambini per bambini, un libro per bambini pubblicato da Werner Berg nel 2018, guide per bambini e laboratori creativi con la possibilità di stampare da soli una xilografia, tutto questo fa diventare la visita al museo, un’esperienza emozionante anche per i più piccoli.