Pioggia - 1950 (35x55cm)

Pioggia

Werner Berg amava utilizzare i piccoli formati per le sue opere. In questo modo poteva continuamente variare i principi di rappresentazione, cercando di estrarre da un piccolo aneddoto la grande forma. Non a caso i piccoli dipinti ad olio sono spesso pieni di atmosfera emotiva.“Sono in grado di dipingere anche soltanto assaporando l'odore della stagione” disse una vota Werner Berg.

Ancor prima dei dipinti e delle silografie sono nati gli schizzi a matita che l'artista abbozzava nel suo taccuino, mentre passeggiava a piedi o in bici lungo la bassa Carinzia austriaca. Ciò che Werner Berg ricercava, nelle sue scampagnate o nelle sue gite, era la conformità tra la realtà che gli si mostrava davanti agli occhi e le immagini che egli stesso portava dentro di sé. Una volta convinto di trovarsi di fronte a qualcosa di compatibile con la sua rappresentazione interna, con matita e blocco da disegno alla mano prendeva nota di quel lieto attimo di contemplazione.

“Anche nell'antica pittura è sempre ben presente la tendenza dell'artista a ricercare ciò che è particolare, misterioso e grottesco, e così mi ritrovo con un'intera serie di dipinti nei quali gli ombrelli giocano un ruolo fondamentale, trasformando e stabilendo le regole del dipinto” spiegava Werner Berg.

 

Back to List