Tre, che vanno da Lucia - 1970 (60x100cm)

Tre, che vanno da Lucia

Verso la fine degli anni Sessanta, scosso pesantemente anche dalla grave malattia della moglie, Werner Berg passo dalla fase in cui utilizzava toni alti, frequentemente rossastri, quasi surriscaldati, a quella caratterizzata da colorazioni insolitamente attenuate. Le figure di questo dipinto, sia quelle relative alle tre donne come del resto il paesaggio circostante, sono ridotte all'essenziale. Dipinti come questo potrebbero effettivamente indurre lo spettatore a credere che si tratti silografie trasferite su tela. Tuttavia, il dipinto e la silografia si discostano completamente dal punto di vista formale. La base in gesso permette a diverse sfumature di riunirsi sulla superficie, i colori più accesi come in questo caso sui fazzoletti, giocano un ruolo ancor più importante per rendere l'effetto più pittoresco. L'ampiezza della forma ricercata da Werner Berg si manifesta con la totale assenza degli elementi di contorno e con uno stile poco strutturato nell'uso del pennello.

La regola di base per tutte le opere di Wener Berg è che le persone non sono mai raffigurate nel corso di un’azione, bensì in uno stato passivo e trattenuto. Non a caso le sue tarde raffigurazioni di persone sono una sorta di “natura morta di figure” dove Werner Berg sceglieva i sui temi con assoluta scrupolosità.

 

Back to List