Tre in cammino d’inverno - 1980 (35x55cm)

Tre in cammino d’inverno

La strada – che messa in prospettiva indica la profondità – accompagna l’attenzione dello spettatore verso la coppia e la donna in lontananza. Il paesaggio invernale leggermente collinare quasi non è distinguibile, solo il colore lo differenzia a malapena dal cielo. La direzione dei movimenti intrapresi dalle figure è desumibile soltanto dalle loro forme e dalle reciproche proporzioni. In relazione con la posizione assunta dalla donna sullo sfondo, le due teste lievemente inclinate della coppia sembrano far intendere un tentativo di avanzamento. La lontananza della donna, che sola cerca di raggiungere la coppia nonché la posizione di quest’ultima in primo piano, spostano anche in questo caso il baricentro dell’immagine verso un traguardo che sta al di fuori del dipinto.

Realizzato con le tipiche tinte del tardo stile di Berg, questo dipinto rappresenta l’esempio di vastità della forma. L’artista è in questo caso riuscito a realizzare anche uno dei suoi principali desideri artistici, al quale si è dedicato nel corso di tutta la sua attività: la postura e lo spazio. L’uomo e la donna, sebbene formino una coppia ponendosi l’uno affianco all’altra, sono da un certo punto di vista anche due individui indipendenti. Tra i due, infatti, si sviluppa una chiara ed avvertita distanza spaziale: ogni figura trova intorno a sé il giusto spazio vitale. Il corpo della donna, anche se completamente piatto, emana comunque un “involucro spaziale”. E’ il caso di aggiungere poi, che questo effetto non è condizionato dalla posizione delle gambe poiché anche coprendole, l’effetto della lontananza è ugualmente percepibile.

 

Back to List